Dietoterapia diabete

diete per diabetici

La scoperta di soffrire di diabete a volte coglie, in occasione di un controllo glicemico occasionale, di sorpresa persone che non sospettavano assolutamente di esserne affetti e che si trovano quindi ad affrontare un periodo di vita di grande preoccupazione e incertezza su come curarsi nel migliore modo possibile.

Moltissime sono le “informazioni e le disinformazioni” che si trovano sul web riguardo la terapia del diabete ma chi soffre di questa patologia metabolica sa perfettamente quanto sia difficile sapere quale cura sia più efficace per il proprio specifico caso personale.

Occorre naturalmente rivolgersi al medico di medicina generale per avere la giusta conferma della diagnosi e del tipo di diabete e non accontentasi della terapia farmacologica, infatti il diabete è la malattia metabolica più diffusa e la dietoterapia è cardine per tenere questa patologia in buon compenso, in modo da evitare le temibili complicanze del diabete stesso.

Vogliamo davvero evitare di sentirci deboli, accusare sudorazione e tremore, sintomi che in modo perentorio ed inequivocabile ci indicano un abbassamento di zucchero nel nostro sangue circolante? Vogliamo nel contempo evitare di accusare iperglicemia e rischiare addirittura il come iperglicemico, compiendo troppe trasgressioni a tavola?

La dietoterapia per il diabete è una vera e propria arte di equilibrio metabolico, molte infatti sono le variabili da considerare:

  • Gli orari di assunzione dei cibi.
  • La quantità di cibo assunto.
  • L’indice glicemico degli alimenti.
  • L’attività fisica e la sedentarietà nel corso della giornata e in rapporto con i cibi assunti.
  • La presenza di altre malattie e molti altri aspetti ancora …

Difficile, anche per il migliore dei medici di famiglia, riuscire a compensare metabolicamente in modo ottimale una persona che soffra di diabete semplicemente fornendogli una lista di cibi indicati, cibi controindica e cibi da assumere con moderazione!

Peggio ancora dare a coloro che soffrano di patologia diabetica una dieta standard, di un certo numero di chilocalorie stabilito a tavolino, in quanto sarà solo un foglio dattiloscritto in più che finirà ben presto nel cestino, senza apportare alcun beneficio al paziente che necessità invece di un serio compenso glicemico giornaliero.

Ricordiamoci che il diabete non causa di per sé dolore al paziente che ne soffre e che la vera malattia si manifesta in tutta la gravità che le è propria quando compaiono le complicanze:

  • Complicanze causate dal diabete agli occhi.
  • Complicanze causate dal diabete al cuore.
  • Complicanze causate dal diabete ai reni.
  • Complicanze causate dal diabete al cervello.
  • Complicanze causate dal diabete al microcircolo.

La dietoterapia per il diabete deve partire da un’accurata analisi delle abitudini alimentari del paziente, dal suo vissuto lavorativo e del tempo libero, dal modo e dalla tempistica di assunzione dei cibi, cercando di realizzare un piano dietetico personalizzato e non penalizzante dal punto di vista della piacevolezza a tavola.

La dietoterapia avrà successo soltanto analizzando insieme il terapeuta i momenti di successo e di trasgressione alimentare, rafforzando la motivazione alla modificazione delle scelte alimentare inefficaci e/o controindicate dalla patologia.

Lo specialista in scienza dell’alimentazione è sempre a disposizione per affiancare il medico di medicina generale nella presa in carico del paziente diabetico, approntando una valida strategia alimentare che consenta non solo di ottenere un migliore compenso metabolico durante tutte le 24 ore, ma di rendere più efficaci i benefici effetti della terapia farmacologica del diabete.

Share by: